Pavimenti e Rivestimenti in Resina e Microcemento

superfici continue d'effetto per dare un nuovo look ai tuoi ambienti

I pavimenti in resina sono superfici monolitiche senza fughe, sono impermeabili ed atossici, facilmente sovrapponibili al pavimento esistente evitando così la demolizione dello stesso, con notevole risparmio in tempi e costi, con spessore medio di 2/3 mm.

La possibilità di creare effetti cromatici pressoché infiniti offre in ambito civile la possibilità di sfogare la propria fantasia, modificando il pavimento a seconda degli ambienti domestici, plasmandolo su qualsiasi superficie bagni, soggiorni, rivestimenti, scale.

La Resina è quindi adattissima sia in ambito civile che industriale, per capannoni commerciali, uffici, pavimenti per esterni, pavimenti interni. Le pavimentazioni in resina consentono una maggiore rapidità nella pulizia rispetto alle altre superfici ed una maggiore igiene.

Ogni pavimento/rivestimento viene realizzato a mano, diventando di fatto un opera unica, irripetibile e non perfettamente riproducibile.

Aspetto monolitico
La mancanza di giunti, fughe e commenti conferisce alle pavimentazioni in resina un aspetto monolitico caratterizzato da fascino ed eleganza. L’illusione è quella di un ambiente più grande.

Atossicità, pulizia ed igiene
Dopo la lavorazione la resina è completamente atossica. Data la mancanza di giunti, fughe o commenti i pavimenti risultano estremamente facili da pulire e quindi garantiscono un elevato standard igienico. La pulizia non richiede particolari accortezze.

Sovrapposizione
Ad esclusione del parquet la resina può essere applicata su tutti i tipi di pavimenti esistenti con spessori che possono variare a seconda del tipo di supporto e di effetto desiderato da 1 mm fino a 5 mm.

Basso spessore
Lo spessore così basso permette di ricoprire un attuale pavimentazione senza dover sostituire le porte interne.

Resine Epossidiche
Sono resine sintetiche autolivellanti molto resistenti che si utilizzano normalmente per realizzare superfici continue “a colata”. L’effetto è abbastanza lucido ed omogeneo. Nelle versioni decorative si usa miscelare resine di diversi colori per ottenere i più svariati effetti frutto della mano esperta del posatore. Nonostante le ultime versioni siano UV resistenti, temono sul lungo periodo l’effetto dei raggi solari.

Resine Poliuretaniche
Caratterizzate da una notevole resistenza agli urti, agli agenti abrasivi e alle temperature particolarmente elevate, questa gamma di resine presenta un’ottima finitura superficiale. Una delle caratteristiche più importanti della resina poliuretanica è la stabilità nei confronti dei raggi UV e degli agenti esterni, che la rende la soluzione ideale per quelle superfici che devono mantenere un alto valore estetico nel tempo, vista anche la maggiore resistenza a graffi e ad un traffico pesante.

Malte Resinose
Questa tipologia di rivestimento è realizzato mediante l’uso di una malta composta da resine epossidiche, acriliche o poliuretaniche e cariche minerali in curva granulometrica. Solitamente sono prodotti base acqua monocomponenti, atossici e VOC free.
Il risultato è un effetto materico spatolato molto morbido e gradevole. Permettono l’inserimento di svariati inerti per realizzare effetti particolari.

Microcementi ( o Microtopping )
Composta da malte cementizie polimero modificate (microcemento) è un’alternativa ecologica ed atossica ai prodotti epossi/poliuretanici. A differenza di questi ultimi si miscela nella maggior parte dei casi solo con acqua ed è indicata anche per le pavimentazioni esterne in quanto meno sensibile all’umidità ed all’azione dei raggi UV.
E’ una soluzione meno elastica delle precedenti ma spesso più economica.

Quanto è resistente ?
Un pavimento in resina può essere considerato una via di mezzo fra un pavimento in parquet ed uno in gres porcellanto. In base a specifiche esigenze il ciclo in resina può essere arricchito con inerti e quarzi per renderlo maggiormente resistente.

Si può graffiare ?
Lo strato superficiale del pavimento è solitamente realizzato con un protettivo poliuretanico o epossidico, molto resistente all’abrasione. Nel caso si verifichino incisioni involontarie della superficie è solitamente sufficiente carteggiare questo strato superiore e ripetere il ciclo di protezione.

Sulla resina si scivola ?
Assolutamente no. La resina ha una altissima aderenza e nonostante la finitura possa essere anche lucida non è scivolosa, neppure se bagnata.

Quanto costa ?
I prezzi variano notevolmente in base al ciclo scelto ed al supporto presente.